Fossi Nicole Minetti/About a Dream

Buongiorno, innanzitutto vorrei ringraziarvi per essere venuti alla mia conferenza stampa. In questi ultimi giorni il mio nome è stato spesso associato alla parola dimissioni, ebbene, ho pensato fosse giunto il momento di fare un po’ di chiarezza.
In questi ultimi tempi sono stata definita “zoccola”, “troia”, “pompinara” e in mille altri modi, taluni espliciti, da chi, tra colleghi, giornalisti e liberi pensatori, ha avuto almeno le palle di dire quello che pensa, taluni impliciti, utilizzando lunghi giri di parole, il classico italiota dico-non dico, per arrivare al medesimo concetto.
Non vi ammorberò buttandomi in una strenue difesa della mia persona, non mi interessa, le vostre opinioni sono rispettabilissime ma, capirete bene, restano tali.
Io vorrei rispondere a quella gente che, prima dall’opposizione e ora dal mio partito, sostiene che dovrei dimettermi perché inadeguata al ruolo. Inadeguata a cosa? A votare delle leggi regionali? Ci vuole una grande preparazione? Non è sufficiente una laurea? Bisogna avere un master? Non si può avere un bel culo per votare? Fatemi capire. E, soprattutto, dite a tutti i cittadini che chi non fa, o quantomeno ha fatto, anche in un remoto passato, un lavoro considerato “giusto”, che so, il professore, l’avvocato o il giuslavorista, non può fare politica. Eppure non mi pare che quando è stato candidato dal PD l’operaio sopravvissuto della Thyssen qualcuno abbia protestato. E se lui può sedere in parlamento, io non posso stare al consiglio regionale? Davvero? Quale era il suo merito a parte quello di essere sopravvissuto? Siete solo degli ipocriti.

Ma torniamo alla Regione, questa bella e industriosa Regione che ha un Consiglio Regionale composto da 80, rispettabilissime, persone, a circa 113.000 € l’anno. Persone laboriose che nel 2011 hanno sfornato la bellezza di 26 Leggi Regionali, tra cui:

1) Legge Regionale 10 febbraio 2011 , n. 1 -Istituzione del Comune di Gravedona ed Uniti, mediante fusione dei Comuni di Consiglio di Rumo, Germasino e Gravedona, in provincia di Como
2) Legge Regionale 14 febbraio 2011 , n. 2 – Azioni orientate verso l’educazione alla legalità
3) Legge Regionale 7 marzo 2011 , n. 5 – Celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia e valorizzazione del patrimonio storico risorgimentale in Lombardia
4) Legge Regionale 29 aprile 2011 , n. 7 – Modifiche e integrazioni alla legge regionale 16 luglio 2007, n. 16 (Testo unico delle leggi regionali in materia di istituzione di parchi) – Istituzione del Parco naturale delle Groane e ampliamento dei confini del Parco regionale
5) Legge Regionale 23 maggio 2011 , n. 10 – Promozione, riconoscimento e sviluppo delle confraternite enogastronomiche e di associazioni consimili
6)  Legge Regionale 4 agosto 2011 , n. 13
Modifiche alle leggi regionali 30 luglio 2008, n. 24 – Disciplina del regime di deroga previsto dall’articolo 9 della direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici, in attuazione della legge 3 ottobre 2002, n. 221 (Integrazioni alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio, in attuazione dell’articolo 9 della direttiva 79/409/CEE)) e 16 agosto 1993, n. 26 (Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell’equilibrio ambientale e disciplina dell’attività venatoria)
7) Legge Regionale 12 agosto 2011 , n. 15 – Mutamento delle circoscrizioni comunali dei comuni di Brembate e Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo
8) Legge Regionale 26 settembre 2011 , n. 16 – Approvazione del piano di cattura dei richiami vivi per la stagione venatoria 2011/2012 ai sensi della legge regionale 5 febbraio 2007 n. 3 ‘Legge quadro sulla cattura dei richiami vivi’
9) Legge Regionale 21 novembre 2011 , n. 17 – Partecipazione della Regione Lombardia alla formazione e attuazione del diritto dell’Unione europea
10) Legge Regionale 21 novembre 2011 , n. 18 – Esposizione del crocifisso negli immobili regionali
11) Legge Regionale 28 dicembre 2011 , n. 24 – Abrogazione della legge regionale 26 settembre 2011, n. 16 (Approvazione del piano di cattura dei richiami vivi per la stagione venatoria 2011/2012 ai sensi della legge regionale 5 febbraio 2007, n. 3 ‘Legge quadro sulla cattura dei richiami vivi’) e dei commi 4 bis e 4 ter dell’articolo 4 della legge regionale 30 luglio 2008, n. 24 (Disciplina del regime di deroga previsto dall’articolo 9 della direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici), come introdotti dall’articolo 1, comma 1, lettera b), della legge regionale 4 agosto 2011, n. 13 (Modifiche alla l.r. 24/2008 e alla legge regionale 16 agosto 1993, n. 26 ‘Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell’equilibrio ambientale e disciplina dell’attività venatoria’)

Ecco, altre 5 leggi riguardano solo il bilancio e il piano finanziario, nel 2011 la Regione Lombardia ha così sfornato una legge ogni 14-15 giorni, l’utilità delle stesse, nel maggiore dei casi, la lascio decidere a Voi.
Eppure, per votare una legge, per dirne una, che obblighi tutti i palazzi della Regione ad esporre il crocefisso, mi dicono servano particolari capacità.

Ma non sono io sempre stata in Consiglio? Non ho sempre votato? Allora, di più, che dovevo fare? Eppure l’On. Santanché ora dice che non sono adatta al lavoro, ma almeno io non ho il 54,6% di assenze in Parlamento.
Ma almeno io per arrivare sino a qui, il posto, me lo sono sudato e anche se voi ora ridete, alla fine questa è la verità, me lo sono sudato, non come il mio collega Romano La Russa, fratello di Ignazio e figlio di Antonino (ex senatore MSI); almeno io non sono Consigliere Regionale dal 1990, 22 cazzo di anni, come la mia collega Margherita Peroni, almeno io non sono in Consiglio Regionale per essere stato fisioterapista del Milan, come il mio collega Giorgio Puricelli, almeno io non sono una vecchia socialista, come il mio collega Rienzo Azzi, almeno io per allungare il mio curriculum vitae sul sito del PDL-Lombardia non ho scritto banalità stile “L’interesse e la passione per la politica, dice, «l’hanno accompagnata per tutta la vita, sia in famiglia che nell’ambito delle amicizie»”, né per giustificare la mia elezione ho scritto “Per meglio approfondire le tematiche attinenti alla Commissione Ambiente frequenta il corso “Colloqui sul paesaggio lariano”, curato dalla Camera di commercio di Como e patrocinato dalla Regione Lombardia, da Univercomo, dal Politecnico di Como e Lecco per la tutela e valorizzazione del paesaggio”, come la mia collega Paola Maria Camillo, almeno io non sono Presidente della Regione Lombardia dal 1995 (17 cazzo di anni), come il mio Collega Roberto Formigoni.

Eppure, volete le mie dimissioni, non le loro. Le mie e perché? Perché mi ha messo in lista Berlusconi? E questi qui, secondo voi, come ci sono finiti? E quelli del PD nel listino bloccato? Chi pensate che li decida? Il popolo o Bersani? E mi verrete a dire che gli altri non si sono mai vestiti da suore sexy per entrare nel listino? Perfetto, ma fino a prova contraria almeno io posso dire di non aver né pagato né preso una tangente. Posso dire di non essere da 20 anni una trafficona della politica regionale. Posso dire che non sono ammanicata con CL che in Lombardia ha le mani in pasta in tutta la sanità. Posso dire che non sono 20 anni che perdo le elezioni come una Rosy Bindi qualunque. E allora, perché dovrei dimettermi? Perché il partito ha bisogno di darsi una rinfrescata? Una rinfrescata e poi parla solo gente che ha più di 50 anni? Con un presidente che si vuole ricandidare a più di 80 anni?

Sapete cosa vi dico? Dimettetevi voi e andate a fare in culo.

Grazie.

Bacini.

 

(Castoro Volante di Umore Maligno)

Share/Bookmark

Tutte le notizie che renderanno più sopportabile la visione di vostra moglie col due pezzi.

Il dramma dell’immigrazione visto con gli occhi di John Maynard Keynes

Immigrazione, affonda gommone partito da Tripoli e diretto in Italia: muoiono in 54, un solo superstite. “Ragazzi, ho un’idea: se ci mettiamo uno sopra l’altro tocchiamo”.

Morti bianche al minimo storico. Grazie agli immigrati.

Allarme Energy Drink: sono già centinaia i giovani volati via.

Padova, ragazzina investita e uccisa mentre andava a scuola a vedere i quadri. Picche.

Il paradosso dell’uovo e della gallina può essere riassunto nella domanda retorica: “Ci sono donne che non hanno mai ingoiato?”. L’illogicità del paradosso si basa sulla semplice constatazione che è impossibile stabilire chi possa aver avuto origine per primo tra l’uovo e la gallina, poiché nessuno dei due soggetti può esistere in assenza dell’altro. Ma non stiamo parlando di Dolce&Gabbana. Tale frase viene anche utilizzata per enfatizzare la futilità di una discussione e l’incapacità di giungere ad una conclusione concreta. Per questo, gallina è tra gli epiteti più frequenti che si attribuisce ad una donna. Il paradosso veniva già citato dagli antichi filosofi greci quali Aristotele, Plutarco e Salvo Sottile. Da un punto di vista creazionista ebraico-cristiano, invece, la Genesi include gli uccelli fra gli esseri creati “il quinto giorno” e non menziona affatto le uova. Ne deriverebbe una creazione delle galline in forma già adulta, ed il giochino utilizzato da Eva venuto da chissà dove.

Secondo un’indagine i bambini sarebbero la compagnia più sgradita a bordo di un aereo. Subito dopo i bambini arabi.

Siria, le ombre delle armi chimiche. Cinesi.

Il matrimonio è un’istituzione inutile. Come moltissime altre cose, il matrimonio è solo un pezzo di carta, una faccenda burocratica. Conosco coppie che convivono ormai da diversi anni e riescono ad essere infelici come le coppie sposate.

Sul tema uovo/gallina riportiamo un interessante dialogo raccolto sotto l’ombrellone.
Sapete cosa pensavo? Al detto “è nato prima l’uovo o la gallina?”. L’uovo, cazzo, l’uovo. Come fa ad apparire una stupida gallina dal nulla? Che domanda è? Un animale simile ma diverso, magari ormai estinto, che si riproduceva nella stessa maniera ha dato alla luce un uovo che aveva subito modifiche genetiche et voilà. 
Ecco la gallina. 
Per anni mi hanno tormentato con questa stronzata. 
L’uovo, coglioni, è sempre nato prima l’uovo. 
Come chiedere: è nato prima l’uovo o l’omelette? 
Inoltre tali profondi quesiti esistenziali portano al dilemma successivo: “è meglio l’uovo oggi o la gallina domani?” 
Che non è stupido come dubbio, se ci pensi: se mangio l’uovo non mi sazio, ma almeno mi resta la gallina che può fare altre uova; se invece mangio la gallina, poi sto a posto per tutto il giorno ma resta un uovo che, prima di essere in grado di farne altri, sono bello che morto di fame. 
E se poi l’uovo si schiude ed esce un gallo? 
E se scelgo l’uovo oggi ma poi viene fuori che è nata prima la gallina? 
Uovo vecchio fa buon brodo? 
Credo che sia da quelli che proprio non riuscivano a rispondere a questa domanda che sono nati i vegani. 

Falso cieco sorpreso a guidare l’auto e guardare le vetrine. Debole la difesa: “Procedeva in retromarcia”.

Statistica. Le separazioni sono in aumento, i divorzi in calo. Stazionari gli avvocati.

Libia, partono in 55 col gommone, ne arriva solo uno. “Dai ragazzi, indietro che vi faccio una foto”.

GGGiovani democratici


ragazzi egualitaristi per il governo del popolo

Forse non tutti sanno che il 26,3% della popolazione femminile sessualmente attiva -ossia tutte le donne, escluse le umbre, con un’età compresa dai 14 ai 65 anni e dai 72 fino agli 86- trova piacevole il sapore del liquido seminale del rispettivo partner, al 60,2% non piace che la propria bocca entri in contatto con genitali maschili, specialmente quando sta dormendo, mentre il restante 16,1% non sa/non risponde/è ancora in fase di degustazione e sta valutando la corposità.

Forse non tutti sanno che il famoso luogo comune secondo cui l’universo femminile sarebbe poco portato in matematica è assolutamente fondato, dato che la ricerca precedente è stata condotta da una donna.

Forse non tutti sanno che lo Statuto del Pd prevede il limite di tre legislature ma Pierluigi Bersani starebbe pensando di concedere ulteriori trenta deroghe in vista delle prossime elezioni.
Non riescono a rispettare neanche le leggi che si scrivono da soli.
E’ vero che questo limite, come ogni taglio lineare, è miope e potenzialmente controproducente ma ogni guerra ha le sue vittime innocenti e se per liberarmi di Rosy Bindi, Walter Veltroni e Massimo D’Alema devo rinunciare anche a gente caparbia come Daniele Baldini e Stefano Bianconi me ne farò una ragione.
Che poi Daniele Baldini e Stefano Bianconi non sono due parlamentari del Pd ma la coppia difensiva dell’Empoli nella stagione ’97-98, pilastri inamovibili del mio fantacalcio.
Questo per dire che, se conoscete politici del Pd che rimpiangeremmo per via del limite dei tre mandati, sono in ascolto.

Che poi non è una legge da rispettare ma una regola imposta dall’elettorato di riferimento che la Costituente del Pd ha pensato di mettere nello statuto come gesto di apertura verso la società civile.

Un po’ come quando, con dei raffinatissimi giri di parole, cerchi di far capire a tua figlia adolescente che è un atteggiamento civico sbagliato quello di suggere membri alla totalità della popolazione maschile dell’istituto tecnico che frequenta e, sebbene non sia una legge da rispettare, è una regola imposta dall’elettorato di riferimento.

“Senti troia, basta succhiare cazzi a tutti.”
“C’è una legge che lo vieta?”
“Be’, effettivamente, no.”
“E le mie amiche? Loro succhiano cazzi tutti i giorni!”
“Se le tue amiche si buttano dal…”
“E poi a maggio andiamo una settimana a Barcellona in gita scolastica!”
“Oh, e va bene, facciamo una deroga di trenta pompini e che non se ne parli più!”

Adesso non so se, come chiese Dario Franceschini qualche campagna elettorale fa, farei crescere i miei figli da Berlusconi.
Ma di certo non farei mai guidare un partito a Bersani.

essere disgustoso* di Umore Maligno


Share/Bookmark

Tutte le battute che i nostri politici sono riusciti a comprendere sulla vicenda dei disabili.

….

….

….

(yawn)

TUTTE LE ALTRE

Fuoco al pronto soccorso, pazienti in strada, nessun ferito. Piuttosto inusuale per un pronto soccorso.

Morto il senatore a vita Sergio Pininfarina. Interessante questa spending review.

Balotelli chiede la prova del Dna. No Mario, quella che hai abbracciato non è la tua vera madre.

Continuano le polemiche contro Umore Maligno e il suo post sugli handicappati, ora è il turno dell’Associazione Italiana Ciechi: “Non ce ne frega un cazzo di oscurare il sito”. 

Modena, ragazza anoressica muore dopo essersi gettata da una finestra socchiusa.

Giallo a Riccione. Il mare.

Scienza. Quando hai affettato peperoncini calabresi per tutta la serata, non importa quante volte ti sei lavato le mani. Per una volta, rimanda quel dannato bidet.

Sport. Lo sapevate che alle paralimpiadi non devi vincere la medaglia d’oro per salire sul gradino più alto del podio, ma viceversa?

Lucio Dalla non ha scritto nessun testamento, tutti i suoi beni andranno ai parenti e il suo compagno di vita non beccherà un quattrino. Così imparano a non sposarsi.

Roma, sedicenne beve una bibita gelata e si tuffa. Morto al quinto giorno di “te l’avevo detto”.

‎- Amore, hai letto quell’indecente post di UM? 
– Sì, una cosa abominevole: vorrei vedere loro con un familiare disabile! 
– Che pezzi di merda! 
– Dicono sia satira: ma per favore! 
– Satira? Buona questa: che cazzata! 
– Dicono che bisognerebbe uccidere i mongoloidi e pensano di far ridere. 
– Stronzi! 
– … 
– … 
– No nulla, segnavo gli appuntamenti sull’agenda. Quando devi fare l’amniocèntesi? 
– Credo il 13. 

Educazione civica. “Addio chili di troppo! Addio pancia! Addio maniglie dell’amore!” Oggi divorzio.

Il Billionaire riapre ad Ibiza, 20mila euro se vuoi che al tavolo si sieda Briatore. 25 se sotto ci vuoi la Gregoraci.

Trapani. Uccisa una donna incinta di 39 anni. Del resto è risaputo, le gravidanze a una certa età comportano dei rischi.

Uccisa a colpi di vanga al nono mese di gravidanza. “Esci, cazzo, esci!”.

Sushi servito su modelle nude in un ristorante giapponese. E dove, se no?

Beppe Grillo: «Formigoni? Un chierichetto stuprato». Immediata si leva la voce delle associazioni dei chierichetti: “Grillo istiga ad essere Formigoni”. Contro il comico genovese anche l’associazione Formigoni Italiani: “C’è un blog che invita a fare i chierichetti!”. Diversi deputati del PD, in una nota congiunta, fanno sapere di non avere assolutamente idea di cosa cazzo si stia parlando ma chiedono di oscurare le tapparelle: “Fa un cazzo di caldo!”. In serata arriva la smentita di Grillo: “Ho solo invertito il soggetto ed è uscito comunque Formigoni”. 

Matematica. L’italiano medio ha sempre qualcosa da pontificare sull’italiano medio.

Napoli, bimbo di 10 anni con due etti di coca nelle mutande. La scoperta è stata effettuata per caso dalla polizia, durante quella che doveva essere una banalissima molestia sessuale.

Isolata la particella di Dio. Poi giù mazzate.

UM Programma Elettorale, vol. 2

La nostra grande proposta, quella che ci differenzia dagli altri partiti, è quella di modernizzare l’Italia, di affrancarla dal medioevo culturale in cui è rimasta. Le piccole corporazioni, i bravi, i massoni, tutto questo può essere eliminato con un piccolo ma significativo gesto, che noi ci impegnamo se avremo il vostro appoggio a mettere in opera per rilanciare l’Italia, economicamente e sopratutto culturalmente. Il piccolo gesto è uno: distruggiamo tutti i monumenti italiani, compresi i palazzi più vecchi di 70 anni e ricostruiamo le città. Sono i borghi medioevali che ci impediscono di pensare in maniera moderna. Distruggiamo il colosseo e abbattiamo la torre di pisa (che ci costano in manuntenzione). Affondiamo Venezia. Ricopriamo i fori romani con cemento e costruiamoci sopra un grande parcheggio a pagamento. Il medioevo mentale e quello visivo si sovrappongono ed è nostro dovere eliminarli per poter finalmente produrre cultura, invece di riprodurre ricordi di cultura. Firenze va ricostruita da cima a fondo, riempiamola di grattacieli e centri commerciali. Il Duomo di Milano, la Mole di Torino, il Palazzo degli Este a Ferrara, vengano rasi al suolo affinché i nostri figli possano pensare nuove arti e nuova bellezza. Distruggere per ricostruire attiverà il PIL, vivremo un nuovo boom e il mondo ci guarderà di nuovo con ammirazione. Questo è il nostro semplice, ma poderoso programma. La grande opera da fare non è lo stretto di Messina, non è il TAV. È l’Italia.

45) Spostare il Vaticano su una base orbitante intorno alla luna.
46) Livellamento del monte Titano e costruzione al suo posto di un enorme acquafan.
47) Calippi gratis per tutte.
48) Introduzione del reato di monociglio.
49) Rivelazione della formula del profumo di auto nuova.
50) Parcheggio per disabili per tutti.
51) Assunzione di un milione di ausiliari del traffico.
52) Liberalizzazione della caccia all’ausiliare del traffico.
53) Divieto di giocare ai videopoker per chi non ha figli.
54) Esproprio di tutti gli immobili ad uso abitativo e consegna ai cittadini su base turnaria. Abitare meno, abitare tutti.
55) Riforma della magistratura: i giudici verranno chiamati “avvocati” e gli avvocati “avvoltoi di merda”.
56) Eruzione del Vesuvio per decreto.
57) Riduzione degli sprechi: abolizione della Costituzione per eliminare la Corte Costituzionale.
58) Obbligatorietà della lettura degli editoriali di Marco Travaglio per tutti i detenuti.
59) Continuare ad ignorare la mancanza del reato di tortura nel nostro ordinamento.
60) Legalizzazione del matrimonio per le lesbiche gnocche.
61) Soppressione delle lesbiche che sembrano uomini grassi.
62) Eliminazione del mese di febbraio.
63) Denti gratis per tutti.
64) Beppe Grillo e Giorgio Napolitano saranno arbitrariamente arrestati e incarcerati nella medesima cella.
65) Tutti i giornalisti di Repubblica verranno soppressi con speciali post-it plastificati, sui quali verrà riportata la scritta: “Intercetta stocazzo”.
66) Il nuovo governo sarà affidato a Mario Monti. A certe bastardate non intendiamo rinunciare.

Ingoierete caro, ingoierete tutto

67) Obbligo per Pierluigi Bersani di dire una cosa chiara.
68) L’Italia uscirà dall’euro e adotterà la dracma.
69) Eliminazione di tutti i parcheggi coperti. Se dimentichi un figlio in auto è giusto che muoia. Basta con le discriminazioni verso chi non ha i soldi per comprarsi un box.
70) Introduzione di misure drastiche volte a favorire la diffusione capillare di episodi di malasanità così da veicolare il messaggio che evitare di ammalarsi è il modo migliore per curarsi. Occorre responsabilizzare il cittadino.
71) Sostituzione dell’articolo 18 con l’articolo 17.
72) Divieto di impiegare manodopera di età superiore ai trent’anni e liberalizzazione del lavoro a partire dai tre anni. Per favorire l’ingresso del bambino nel mondo del lavoro, l’asilo nido verrà sostituito da tirocini formativi della durata di sei mesi, al termine dei quali il datore di lavoro potrà decidere se (i) assumere il bambino a tempo indeterminato, (ii) interrompere la collaborazione, (iii) prenderlo a sculacciate per quattro ore consecutive e metterlo alla prova per altri sei mesi.
73) Deportazione in massa di vegetariani, vegani, omosessuali uomini, professori di filosofia e Fabio Fazio in Calabria.
74) Eliminazione della Calabria.
75) Per favorire la viabilità nei grandi centri urbani e nelle principali arterie stradali nazionali, introduzione di una corsia preferenziale dedicata alla circolazione di vecchi in bicicletta, camion oltre le 7,5 tonnellate, SUV e mezzi cingolati.
76) Divisione della carriere PM/Giudici/Imputati.
77) Chi vince il concorso da magistrato dovrà da subito indicare se intende divenire magistrato, giudice o imputato. La scelta sarà vincolante per i primi cinque anni, decorsi i quali il magistrato potrà decidere se cambiare funzione.
78) No ai pellegrinaggi. Chiunque venga sorpreso a pellegrinare in giro sarà costretto a fare il giro del mondo all’indietro.
79) Chi si rifiuta incorrerà nella reclusione da 2 a 4 mogli.
80) Aumento del numero dei parlamentari. Saremo tutti parlamentari tranne uno che verrà scelto indicandolo, e che sarà obbligato a girare per un anno con la scritta “governato” in evidenza. Qualsiasi provvedimento ricadrà solo su di lui: meno proteste, meno manifestazioni, azzeramento della disoccupazione.
81) Tutte le amicizie saranno declassate a semplici conoscenze. Abolizione delle relative frasi fatte.
82) Le previsioni del tempo dovranno essere sempre errate per difetto.
83) Campagna internazionale di sensibilizzazione per far dichiarare Sara Tommasi patrimonio dell’umanità.
84) Introduzione del petroburger: le forniture di greggio verranno pagate in cheesburger con carne di maiale.
85) L’Unesco sarà dichiarata patrimonio dell’umanità.
86) Embargo totale contro l’isola d’Elba.
87) Atlantide sarà Messina.
88) Parcheggi solo in retromarcia per favorire l’uscita di chi ha fretta.
89) Argomento a piacere.

Remare tutti, remare contro

UM Programma Elettorale

Concittadini, l’Italia è a un bivio.
Dobbiamo scegliere se affidarci ancora a una classe politica fatta di corrotti, inetti e incapaci, o se sostituirla con facce nuove di cittadini corrotti, inetti e incapaci.
Dobbiamo prendere una decisione importante e dobbiamo prenderla ora, o al più tardi giovedì.
A noi la finanza non interessa, la finanza ci disgusta ma soprattutto la finanza non la capiamo. Cosa vuol dire che oggi il dollaro vale 77 centesimi e domani 90? Da cosa dipende, dal prezzo della carta?
A noi non interessano i mercati, le banche, gli affaristi. A noi interessa solo una cosa: i voti. È per questo che in cambio del vostro voto vi promettiamo il nostro voto.
Volete l’autorizzazione del vostro condominio per costruirvi un altro balcone? Noi parteciperemo all’assemblea e voteremo per voi.
Il vostro desiderio è diventare capoclasse? Noi voteremo per voi.
Siete concorrenti dell’Isola dei Famosi? Noi voteremo per voi.
Volete aggiudicarvi un Telegatto? Vi dico solo che siamo in buoni rapporti con Mike Bongiorno.
Avete due buchi del culo? Potreste diventare il nostro ministro del Tesoro.
Tutto quello che vi chiediamo in cambio è un altro voto. Do ut des. E altri monosillabi a caso.
E se non vi sembra una ragione sufficiente per concederci la vostra fiducia sappiate questo: a noi non interessa prendere il potere, a noi interessa solo mantenerlo.
E il nostro programma elettorale è qui a dimostrarlo.


Guarda, tu votaci. Non ti anticipo niente ma non te ne pentirai

1) Acqua santa pubblica: chiederemo alle chiese di mettere al di fuori delle chiese le acquasantiere e di benedire i passanti
2) Circolazione a sessi alterni: il calcolo si farà basandosi sul sabato alle donne e le domeniche agli uomini. Se gli anticipi del campionato non vi sono favorevoli, potete sempre cambiare sesso. O tifare un’altra squadra.
3) Basi di economia politica per tutti: se guadagni 1000 euro è inutile che tenti di comprarti un iPhone da 600. Coglione.
4) Leggi rese pubbliche on line almeno tre mesi prima delle loro approvazione per ricevere i commenti dei cittadini. Potrai scrivere anche tu il tuo: Primo!!!!/La miglior legge di sempre!!!/L’art 4 su tutti, chapeau!!!
5) No alle energie rinnovabili: quindicimila euro per rendere il mio tetto una frocissima palla da discoteca anni ’70?
6) Sì al nucleare se in siti sicuri: la Calabria andrà benissimo.
7) Solo pregiudicati in UM: Serve gente coi controcoglioni per destreggiarsi tra tutta quella merda.
8 ) Il servizio rifiuti sarà interamente affidato alla Camorra, così saprete con chi prendervela.
9) Accesso gratuito a internet attraverso il WI-FI libero: quello craccato del vostro vicino.
10) No al lodo Alfano: è una vergogna.
11) Sì al lodo Alfano: se para il culo a noi.
12) Riapertura delle case chiuse, detassazione del porno, liberalizzazione delle droghe, fuga repentina, Santo Domingo, sucate tutti.
13) Happy hours nelle case: un’ora al giorno di bevande alcoliche gratis a casa vostra.
14) Happy hours nelle strade: un’ora al giorno in cui delinquere in santa pace senza possibilità di essere denunciati e/o arrestati.
15) Happy hours nelle famiglie: un’ora al giorno da dedicare allo scambio di coppie. Prima regola, vale se l’altra coppia ha una donna più bona della tua; seconda regola, le donne non decidono.
16) Rapporto deficit/PIL: risolvere il deficit di pil
17) Obbligo di abiti con scollature per le donne aventi dalla terza misura di reggiseno in poi, chirurgia plastica coatta per coloro che non possiedono i requisiti.
18) Abolizione del reato di molestia sessuale. Liberalizzazione della chiappa.
19) Obbligo per tutti i dipendenti della PA ad assumere 1,5 g giornalieri di amfetamina.
20) Divieto di ogni espressione di culto che non preveda il topless durante le funzioni religiose.
21) Divieto assoluto di proiettare film di registi omosessuali.
22) Pena di morte per gli uomini di colore che si tolgono le mutande (Decreto Nonpuoiaverlopiùlungodelmio).

Più suicidi, meno disoccupati

23) Sostituzione del termine “sfigato” con “Giacomo Leopardi”.
24) Deportazione delle lesbiche e loro riutilizzo pubblico come spugna per francobolli (Ddl Fantozzi).
25) Ritiro della patente di Felipe Massa
26) Nazionalizzazione del Campari
28) Esproprio proletario delle modelle di Intimissimi
29) Eliminazione della polizia e contamporaneamente obbligo di girare armati per tutti i maggiorenni. Si ottengono così tagli sulle spese pubbliche e si riattiva il circolo virtuoso economico con acquisti di armi.
30) Eliminazione della magistratura. I contenziosi verranno risolti con un dado a 12 facce.
31) Eliminazione del campionato di serie A. In sostituizione eventi a tema organizzati da playboy.
32) Riduzione delle camere a una eliminando il senato e la camera dei deputati. Usare skype per le riunioni. I deputati scendono da non so quanti ce ne siano adesso a 3. Il loro stipendio è ancorato alla pubblicità in rete che riescono a ottenere. E verranno estratti a sorte e cambiati ogni 3 mesi.
33)Tutti i c/c vengono aperti con un 1 milione di euro di “avviamento” messo d’imperio e i prezzi al consumatore vengono bloccati per 5 anni dall’entrata in vigore di questa legge.
34) L’inno nazionale viene cambiato ogni mese con voto su repubblica.it.
35) Il debito pubblico viene restituito tutto stampando moneta straniera e divieto dl’emissione di nuovi titoli di stato.
36) Cancellati gli ospedali pubblici. Più selezione naturale, cristo.
37) Abbattimento delle carceri e loro sostituzione con grandi magazzini. Chi risulterà colpevole di crimini sarà rinchiuso in questi a fare spesa per tutta la durata della sua pena.
38) Frequenza televisive espropriate e vendute a televisioni africane. Se vi piace ora vi piacerà anche in swaihili
39) Basta col petrolio. Mettere centrali nucleari ovunque. Se mutazione deve essere, che mutazione sia.
40) Una rondine non farà primavera. Servirà anche il consenso di almeno i 3/4 dei piccioni.
41) Prostituzione obbligatoria tra i 17 e i 20 anni (pensatelo come a un servizio civile). Per maschi e femmine.
42) La prova del Dna non varrà più in caso di paternità dubbia. Ogni uomo può essere padre di chi vuole basta che faccia l’autocertificazione. Ogni bambino può avere quanti papà lo vogliano.
43) Obbligo di emigrazione in paesi africani dopo i 60 anni. Si stipuleranno contratti “voi vi prendete i nostri vecchi senza forza, noi i vostri giovani senza cibo e casa”.
44) Modifica del diritto di successione: alla morte di un cittadino la proprietà dei beni del defunto andrà a chi ne entra in possesso per primo.

Votate il nostro movimento ‘Voi, non capite un cazzo’. Smentiteci

[continua…]

Umore Maligno denunciato come una Nonciclopedia qualunque

Ebbene sì, ci sono voluti due anni ma ce l’abbiamo fatta. Il nostro pezzo sui disabili ha colpito un sedicente “normalmente abile” come Aurelio Mancuso, che ci dicono essere direttore dell’associazione “equality italia”, famosa per.

Nell'immagine un normalmente abile

Mancuso accusa Umore Maligno di vari reati, tra cui.

Sì, scusate l’incompletezza ma è esattamente questo il punto. Umore Maligno messo alla berlina come fosse una senatrice dell’Italia dei Valori qualunque, tipo Patrizia Bugnano, anch’essa saltata sulla sedia (non vi diciamo cosa c’era sotto) e capace di offendersi per un suo proprio problema: incapacità di comprensione di un testo. Certo, la colpa è anche nostra: l’abbiamo scritto in italiano.

Nell'immagine una senatrice normalmente abile

Crediamo che il problema derivi dalla disabitudine a tutto quanto oggi in Italia va sotto il nome di satira, rovesciamento logico, denuncia di problematiche sociali tramite inversione del soggetto.

Comprendiamo però che si tratta di limiti insuperabili per tutti quei soggetti incapaci di analizzare dei semplici testi (parliamo pur sempre di persone che hanno come riferimento culturale Di Pietro).

In sintesi, Umore Maligno da sempre denuncia qualunque problema sociale tramite la corrosività, il cazzotto nello stomaco e il rovesciamento logico, così da impersonare volutamente un personaggio assolutamente eccessivo, ben oltre il grottesco, così da dare voce a quanto di più becero, volgare, viscido possa esserci: l’essere umano.

Chi non capisce questo meccanismo è anch’esso destinato a divenire inevitabilmente soggetto e oggetto della nostra satira; è così che si conclude la parabola del portatore dei valori puri, di colui (o di colei) che si sente investito del sacro fuoco dell’Etica pret-a-porter, buona per tutti, senza nessuna capacità di elaborare, in autonomia, una banale verità: le guerre contro ogni intolleranza (contro tutte le intolleranze) si combattono innanzitutto con la cultura.

Solo da qui può dichiararsi guerra al vero nemico: l’ignoranza.

Quella che nutre chiunque legga i testi di Umore Maligno in modo lineare o letterale. Che è un po’ quanto fecero con Rabelais.

Che forse, per Mancuso, è un cavallo della Tris.

Auguri, Italia.

______________________________

La redazione di Umore Maligno si riserva di completare il proprio messaggio conciliatorio domattina: stay tuned.

Tutto quello che… quale settimana scorsa?

Afghanistan, ucciso un carabiniere. Il classico contropiede.

È mistero sulle cause dell’esplosione: 
– Appuntato, che è successo? 
– È morto Manuele Braj, comandante. 
– Con la “J”? 
– Con la bomba, comandante. 

Violenza sulle donne, l’Onu all’Italia: “Dovete fare di più”. Secca la risposta: “Più di così muoiono!”.

Il papa ai terremotati: “Volevo esserci di persona”. Era un po’ stufo di aleggiare.

Tragica gita parrocchiale in Toscana, muore un undicenne. UM è venuto in possesso della chiamata al 118:
“Pronto, 118″. 
“Ci serve aiuto subito, un bambino sta malissimo”. 
“Mi dica dove siete”. 
“Siamo sulle colline attorno a Prato, appena sopra la città”. 
“Ma voi chi siete?” 
“Comitiva parrocchiale di Paperino”. 
“Ma vaffanculo”. 
Tu tu tu tu tu tu tu tu tu. 

Ricerca. Gli uccelli riconoscono voci e volti umani. È così che si orientano per cagare.

Internet: più di 200mila minori hanno accettato proposte oscene in cambio di una ricarica telefonica. Poi sono riusciti a chiamare i soccorsi.

Cosenza, bimbo di sei anni seviziato dai genitori: “Sei anche tu calabrese!” 
Il piccolo costretto anche ad assistere agli amplessi di padre e madre. Interminabili quei dodici secondi. 
Adesso comunica solo a parolacce e gesti: per fortuna nulla di diverso dai suoi coetanei. 
Sono stati anni da incubo per Francesco Rutelli (il nome è di fantasia). Il padre lo violentava con oggetti di ogni tipo: dalla ‘nduja al peperoncino, passando per i prodotti tipici calabresi, inspiegabilmente a tutt’oggi ancora utilizzati dalla popolazione locale. 
Il piccolo pare sia stato costretto anche a morbosi rapporti orali: “Adesso di’ ‘mamma'”. 
I genitori pare improvvisassero anche una sorta di danza aborigena. Questo però avviene spesso nel cosentino quando non funziona il telecomando. 
La coppia ha avuto altri tre figli, tutti dati in adozione a famiglie decisamente più amorevoli. Sono felici ora, i piccoli Simone e Renato Franzoni. 
Francesco si esprime soprattutto con parole volgari e si fa capire toccandosi le parti intime. Magari cambiargli il dvd del “Monnezza”? 

Insegnante dà la sufficienza ad un alunna dopo aver fatto sesso. Onesto.

Beppe Grillo: “Ho scoperto che la donna, in Iran, è al centro della famiglia”. Esattamente nel punto in cui tutti possono cozzarle contro.

“Ho un cugino che costruisce autostrade in Iran. E mi dice che non sono per nulla preoccupati”. Se non per quel tratto tra El Salern e Ahmadinaregg Calhabr.

Molti giudicano deliranti le parole di Beppe Grillo sull’Iran, altri no. 
Per tanti di noi Beppe Grillo è solamente fuori testa mentre per altri il suo problema è soltanto uno: non capire un cazzo. 
“In Iran l’economia va bene, le persone lavorano. Ho un cugino che costruisce autostrade in Iran. Ci è andato da piccolo, dopo che da bambino una volta è morto. Poi un giorno rimorchia la sorella di Ahmadinejad e il mattino dopo trova scritto allo specchio ‘Benvenuto nel Medio Oriente’, e da quel giorno ha un rene in più. Da quelle parti funziona tutto al contrario: le donne si coprono, gli uomini sono contenti perchè le donne si coprono e quando ti sembra di rimorchiare troppo facilmente la donna più bella del locale che durante la conversazione chiede del tuo gruppo sanguigno, gli organi te li aggiungono. Un amico di mio cugino, per esempio, si è scopato un israeliana e si è ritrovato con tre piedi. All’inizio è stato difficile accettare la diversità ma è tutto finito da quando il cugino di Beppe Grillo gli ha trovato un posto di lavoro in quello studio fotografico.”

La regina Elisabetta stringe la mano all’ex capo dell’Ira McGuiness. “Ottima la vostra birra”.

Tragedia a Giugliano: pulisce la pistola, gli parte un colpo, uccide il figlio di tre anni. Ripulisce la pistola.

Polemica negli USA per una pillola anti-obesità a 13 anni. Non sarà troppo tardi?

Tutto quello che avreste voluto sapere ma che poi questa Rai lottizzata dalla politica… ehi, quest'anno a Sanremo c'è Fazio!

Dopo il gol fantasma dell’Ucraina e la rete annullata a Nocerino parla il presidente della Fifa, Sepp Blatter: “Sono contrario alla tecnologia in campo ma dobbiamo trovare una soluzione per limitare gli errori: un arbitro, due guardalinee e due giudici di linea non bastano. Dal prossimo mondiale introdurremo la Guardia Forestale a cavallo.”

Riforme, il Senato approva il taglio dei deputati. Ora si attende che la questione del numero dei senatori venga valutata dalla Camera.

Militare italiano muore in Kosovo per un colpo partito dal suo stesso fucile. Commuovono le sue ultime parole: “Ok, funziona”.

Il Papa esprime “profonda preoccupazione” per le notizie provenienti dalla Nigeria sui recenti attentati terroristici, “soprattutto contro i cristiani”. A dimostrazione che siamo tutti uguali.

Egitto. Mubarak è stato colpito da due infarti, un ictus, dichiarato clinicamente morto e ora pare sia in coma. Deve avere lo stesso sceneggiatore di Beautiful.

In Cina una donna è stata costretta ad abortire al settimo mese di gravidanza: la legge vieta infatti il secondo figlio a meno che la madre paghi esose multe che solo pochi possono permettersi. Le autorità locali si sono difese sostenendo che la legge sul cazzo piccolo, in vigore in Cina da oltre 30 anni, ha permesso di contenere la crescita della popolazione. La stessa donna ha raccontato che funzionari della contea di Zhenping hanno cominciato a perseguitarla in maggio: “Il 18 Giugno scade il versamento della prima rata dell’IMU”. L’hanno quindi prelevata con la forza dalla sua abitazione e costretta a ricoverarsi in ospedale: “Avevano il volto scoperto per non farsi riconoscere”, ha denunciato la donna dopo essere stata costretta a firmare un documento col quale acconsentiva all’aborto e, nel pomeriggio del 3 giugno il feto è stato ucciso con un’iniezione. Il giorno dopo la donna ha partorito il feto morto. Seguirà battesimo con rinfresco.

San Suu Kyi ritira il Nobel con ventuno anni di ritardo. “Ho detto che adesso scendo”.

Tetraplegica dalla nascita dà alla luce una figlia: “Ehi, questo pannolone piange”.

Inghilterra. Uomo completamente paralizzato chiede di morire. Che palle, perchè non lo fa da solo?

Commuove il mondo la scalata del Kilimangiaro da parte di Spencer West, americano di 31 anni privo degli arti inferiori. Ma l’utilizzo che i mass media fanno dell’ennesimo caso umano che compie un’impresa straordinaria fa anche discutere, sollevando in alcuni di noi importanti interrogativi. Per esempio, non sarebbe meglio parlare di arrampicata?

Caserta. Due carabinieri in caserma: uno spara al collega, poi si suicida. Non l’ho capita.

Bari, ruba auto con bimbo a bordo. Alle volte quegli adesivi sono un richiamo fortissimo.

Catania, lancia acido muriatico sul pubblico di un concerto. Poi infierisce attaccando all’improvviso con “Parole di burro”.

Tutti dieci nella pagella di Melissa Bassi. Sai che salti di gioia.

La mia donna gli europei non li guarda. Dice che ce l’hanno piccolo.

La Uefa ha aperto un’indagine sulla banana lanciata in campo durante Italia-Croazia: l’ha presa Balotelli o uno dei metrosessuali?

Ieri sera ero così contento per la vittoria dell’Italia che ho preso a calci il cane di mia zia.

Kiev, Palazzo del Governo, qualche mese prima dell’inizio degli Europei.
“Presidente, la competizione è alle porte.”
“Benissimo, colonnello Akinfeev.”
“Però, ecco, ci sarebbe un problema. Vede, l’opinione pubblica dei paesi occidentali potrebbe crearci dei problemi a livello di diritti umanitari, e quando l’opinione pubblica chiama, l’ONU risponde. E se davvero sapessero quanti avversari politici facciamo scomparire questi non ci penserebbero due volte prima di mandarci osservatori su osservatori.”
“Dunque, sergente Jascin?”
“Dunque dovremmo distrarre l’opinione pubblica in qualche modo e, modestamente, credo di averlo trovato: gli animali! Potremmo fare come ha fatto la Cina alle Olimpiadi: facciamo girare foto di cani scuoiati e panda tenuti in cattività dicendo che è colpa del governo ucraino! Possiamo anche riciclare le stesse immagini, nessuno se ne accorgerà! L’opinione pubblica occidentale se ne sbatterà il cazzo dei diritti umani e romperà le palle all’Onu che, per degli insignificanti cani bastardi, ovviamente non muoverà un dito!”
“Anche i panda? Secondo te si bevono anche i panda in Ucraina, sottufficiale Shevchenko?”
“Si sono bevuti le tartarughine morte tenute miracolosamente in vita e vendute come souvenir in un minuscolo sacchetto di plastica!”
“Eccellente, generale Perestrojika, eccellente!”
“Presidente, siamo solo in due. E mi chiamo Josè.”

 

Share/Bookmark